LE CITTÀ INVISIBILI di Italo Calvino
Alcune righe del Capitolo IX in dialetto spezzino

A e vote me basta en tòco de müro che se rèva en ter mezo d’en grüpo de cà, na lüze che avansa en te la nebia, e ciarle di dói che pasan che i s’encontran en ta strade, per pensae che partendo da quer pünto a meteò en seme tòco per tòco a cità perfeta, fata de tochéti remescià co o resto, d’istanti separà da intervàli, de segnàli che ün i mànda e i ne sà chï a pïa.

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO di Carlo Collodi
CAPITOLO XXXV pg 87, ultime 14 righe in dialetto spezzino

Con la gran bòta que prese se smortò er lume, e pàe e figio i rèsto ar buio.
— E aoa?… — I disa sèrio Pinochio.
— Aoa, bèo me fante, a sémo perdú.
— Perché perdú? Déme a man, pà, e sté atento de ne sghigiàe!…
— Dove te me porti?
— A dovemo refàe a fuga. Vèni con me e ne stàghe a avée paüa —.
Apena ito, Pinochio pïa a màn de se pàe: e caminando sempre en punta de pé, i remónto
enséme sü pe a góa der mostro: poi i travèrso tüta a léngua e i scavalco trei fila de denti.
Prima de fàe er gran sàuto, er buatín i disa a se pàe:
— Montéme en te e spàle e abraséme forte forte. A o rèsto a ghe penso me. —
Apena Gepeto a s’è rampicà en té e spàle der figio, er bravo Pinochio, següo de se fato, i se
caciò in te l’aigua e comenzò a nède. Er màe i ea come n’èio: a luna a splendeva en tüta a
se lüse e er Pesecàn continuava a rusàe, che ne se svegiàva manco co na canonà.

Traduzione in dialetto spezzino –nella forma parlata tra le famiglie di contadini della Righeta– di: Carla Rossi. Testimonianza raccolta da: Mariavittoria Ponzanelli.

La Righeta, fra il 1935 e il 1946, era un piccolo nucleo abitato nei dintorni di La Spezia.
Si raggiungeva a piedi dalla Val Durasca attraversando il bosco, o dalla strada provinciale di via Montalbano fino alla deviazione verso la via che oggi è indicata nelle mappe come strada comunale di Richetta. Si contavano due masserie, due ville e una casa abitata da cinque famiglie con un pezzo di terra ciascuna. Il dialetto spezzino di questa traduzione è la forma parlata da quelle famiglie di contadini.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi